Comitato Unico di Garanzia

Che cosa è?

CUGL’art. 21 della legge del 4 novembre 2010 n. 183 ha disposto l’obbligo per le pubbliche amministrazioni di costituire, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica il “Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni” che sostituisce, unificando le competenze in un solo organismo, i Comitati per le pari opportunità ed i Comitati paritetici sul fenomeno del mobbing. Successivamente, con la Direttiva del 4 marzo 2011, il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’innovazione ed il Ministro per le Pari opportunità, hanno fornito le linee guida sulle modalità di funzionamento e sui criteri di composizione dei Comitati unici di garanzia. Il Comitato unico di garanzia (C.U.G.) si afferma dunque come soggetto del tutto nuovo, con il compito di assicurare nell’ambito del lavoro pubblico, parità e pari opportunità di genere, rafforzando la tutela dei lavoratori e delle lavoratrici e garantendo l’assenza di qualunque forma di violenza e di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all’età, all’orientamento sessuale, alla razza, all’origine etnica, alla disabilità, alla religione e alla lingua. Ciò nell’ottica di favorire la razionalizzazione dell’organizzazione e di rendere più incisiva l’azione contro le discriminazioni e i fenomeni di mobbing sul luogo di lavoro, anche attraverso una semplificazione delle procedure e la riduzione dei costi di gestione. L’intento di questo organismo è anche quello di conciliare il miglioramento dell’efficienza delle prestazioni lavorative con il miglioramento dell’ambiente lavorativo che dovrà essere caratterizzato dal rispetto dei principi di pari opportunità e del benessere organizzativo. Tale Comitato rivolge infatti una particolare attenzione al lavoratore e al suo benessere, da intendersi non solo come benessere fisico ma, soprattutto, come benessere psicologico. A tal fine, la tutela apprestata dal C.U.G. dovrà sostanziarsi in una più intensa attività di controllo sulle condizioni di lavoro in ogni momento della vita lavorativa: dall’accesso del lavoratore, al trattamento, all’affezione al lavoro e alla produttività e alla sicurezza, impedendo, in tal modo, che qualsiasi comportamento discriminatorio o molesto, sia diretto sia indiretto, venga messo in atto e comprometta il generale benessere lavorativo.

Composizione

L’Agenzia per il diritto allo studio universitario dell’Umbria, con Decreto n. 15 del 12/3/2019, ha rinnovato la composizione del proprio “Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni”.

Il Comitato è così costituito:

per le OO.SS. rappresentative :

- CIGL Michele Capoccia, dipendente di cat. C

supplente Michele Castellani ;

- CISL Gianluigi Sannipoli , dipendente di cat. B

supplente Gianfranco Manni;

- UIL Maddalena Alunni , dipendente di cat. D

supplente Alessandro Cecchini;

- CSA Marta Preite Martinez, dipendente di cat. D

supplente Emanuela Diamantini

e per l’Amministrazione:

- Tiziana Mattioli , dipendente di cat. D, Responsabile della Sezione “Organizzazione e gestione del personale” in qualità di Presidente,

supplente Federica Cercarelli;

- Sara Paliotto , dipendente di cat. C;

supplente Alessandra Massarelli;

- Paolo Barbieri , dipendente di cat. C;

supplente Marco Fabiani;

- Costanza Ciabattini , dipendente di cat. D, Responsabile della Sezione “Gare e contratti”;

supplente Chiara Grisafi;

 

 

LEGGI IL REGOLAMENTO

 

Agenzia per il Diritto allo Studio Universitario dell'Umbria